Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Bomi Italia Spa, holding del Gruppo Bomi, debutterà all’Aim Italia il prossimo 26 giugno. Il gruppo attivo nel settore della logistica biomedicale ha iniziato il roadshow per la quotazione sul mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese che vogliono investire nella propria crescita.

Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa e dai principali quotidiani finanziari, Bomi Italia, gruppo operante nel settore della logistica biomedicale e della gestione di prodotti ad alta tecnologia per la tutela della salute, dovrebbe esordire all’Aim Italia, il mercato alternativo del capitale di Borsa Italiana, il prossimo 26 giugno 2015.

L’offerta globale è divisa in due parti: una di massimi 8 milioni destinata agli investitori qualificati in Italia e all’estero, e una di massimi 3 milioni per il pubblico indistinto in Italia; entrambe le quote sono in aumento di capitale. Inoltre, è prevista un’altra offerta, sempre riservata agli investitori qualificati, di massime 1500 obbligazioni convertibili per un controvalore di massimi 5,4 milioni di euro.

Il prezzo delle azioni è stato fissato in un campo compreso tra un minimo di 2,75 euro ed un massimo di 3,25; il lotto minimo di sottoscrizione è pari a 500 azioni ordinarie.

La quotazione di Bomi Italia in Borsa ha come scopo quello di ottenere una maggiore visibilità sui mercati nazionali e internazionali, per continuare il proprio percorso di crescita e sviluppo nel settore biomedicale.

Global Coordinator, SoleBookrunner e Nominated Adviser dell’operazione è la Banca Popolare di Vicenza, mentre Simmons & Simmons LLP è il SoleLegal Advisor. L’Auditor è la società di revisione BDO, il consulente finanziario e di mercato è Madison Corporate Finance, mentre lo studio Pelizziari, Visioni, Bonatti si occupa delle questioni fiscali.

Infine, Bomi ha sottoscritto un accordo con First Capital, holding specializzata in investimenti di  Private Investments in Public Equity e di Private Equity, che prevede l’impegno da parte di FC di partecipare all’IPO del gruppo con un investimento superiore a 2,5 milioni di euro sotto forma di aumento di capitale e di sottoscrizione di un prestito obbligazionario; da parte sua, accettando questo accordo, la holding finanziaria avrà diritto di nominare un rappresentante nel Consiglio di Amministrazione di Bomi Italia.

+

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.