Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

I settori azionari difensivi sono composti da società che vantano una solida generazione di cassa, con ricavi che dipendono solo in misura limitata o addirittura nulla dall’andamento del ciclo economico e che sono capaci di offrire rendimenti certi e interessanti.

L’investimento in titoli azionari difensivi è generalmente considerato un approccio prudente e poco performante in quanto si ritiene che tali azioni non partecipino mai a pieno ai rally rialzisti dei mercati azionari, tuttavia molti analisti considerano invece l’acquisto di titoli facenti parte dei cosiddetti settori difensivi una strategia vincente in un orizzonte temporale d’investimento di lungo termine.

Di seguito le caratteristiche dei principali settori azionari difensivi.

Settore farmaceutico: i ricavi delle aziende che operano nel settore farmaceutico dipendono in larga parte dal ciclo dei rispettivi prodotti e non dai fattori di natura macroeconomica. In genere le aziende farmaceutiche vantano solidi rendimenti da free cash flow e margini lordi elevati, con significati opportunità di risparmio dei costi, capaci di compensare la pressione sui prezzi, derivanti dalle numerose operazioni di fusione e acquisizione, nonché dai cambiamenti delle prassi di commercializzazione e di vendita.

Settore delle telecomunicazioni: i fattori che rendono questo settore difensivo sono soprattutto l’elevata difficoltà di ingresso in tutti i principali Paesi e la tendenza delle persone a destinare una parte sempre crescente del proprio reddito in prodotti e servizi riguardanti le telecomunicazioni. Inoltre hanno la possibilità di beneficiare dei costanti progressi tecnologici e di compensare attraverso l’elasticità dei prezzi eventuali impatti negativi derivanti ad esempio dall’elevata competizione sul mercato oppure da disposizioni normative più restrittive.

Settore alimentari, bevande e tabacco: i generi alimentari e il tabacco sono considerati beni di prima necessità che vengono consumati su base giornaliera, pertanto essi non risentono dei fattori macroeconomici.  Per quanto riguarda in particolar modo il segmento del tabacco, in questo caso il potere difensivo è considerato ancora più ampio in quanto il potere di pricing è in grado di coprire ampi aumenti dei prezzi alla produzione.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.