Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Gli azionisti di Intesa Sanpaolo nel corso della prima parte del 2013 in relazione all’esercizio 2012 riceveranno un dividendo non inferiore a quello distribuito dalla banca in relazione all’esercizio 2011, quindi almeno pari a 0,05 euro.

Ad affermarlo è stato l’amministratore delegato Enrico Cucchiani poco dopo la pubblicazione dei risultati realizzati dall’istituto bancario nel corso dei primo nove mesi del 2012, archiviati con proventi operativi netti a 13,39 miliardi di euro (+6,9%), un risultato della gestione operativa a 6,77 miliardi di euro (+17,8%) e un cost/income ratio in miglioramento al 49,4% dal 54,1% dei primi nove mesi del 2011. L’utile netto consolidato si è attestato a 1,69 miliardi di euro, in diminuzione del 12,5% rispetto ai 1,93 miliardi dei primi nove mesi del 2011.

Al 30 settembre 2012 i crediti verso la clientela erano pari a 375 miliardi di euro (-0,5%), mentre il complesso dei crediti deteriorati ammontava a 27,27 miliardi di euro (+20,1%). Il Core Tier 1 ratio è salito all’11,1% dal 10,1% di fine 2011, il coefficiente EBA pro-forma al 10,3% dal 10,1% e il common equity ratio pro-forma al 10,5%.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.