Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Gli azionisti di Intesa Sanpaolo nel corso della prima parte del 2014, in relazione all’esercizio in corso, intascheranno un dividendo pari o superiore a 0,05 euro per azione, almeno stando alle previsioni fornite dalla stessa società in occasione della pubblicazione dei risultati realizzati nel corso del primo trimestre del 2013.

Il management dell’istituto bancario, dunque, sulla base dei risultati realizzati nel corso dei primi mesi del 2013, prevede che sarà distribuita in relazione all’esercizio in corso una remunerazione non inferiore al dividendo distribuito relativamente all’esercizio 2012 e all’esercizio 2011, in entrambi i casi pari a 0,05 euro per azione.

Riguarda al dividendo che Intesa Sanpaolo distribuirà nel corso del 2014, le stime del consensus formulate sulla base delle previsione raccolte entro il 13 maggio 2013 indicano una cedola di 0,08 euro per azione sull’esercizio 2013 (utile per azione stimato a 0,20 euro) e di 0,14 euro per azione sull’esercizio 2014 (utile per azione stimato a 0,38 euro).

Intesa Sanpaolo, ricordiamo, ha archiviato i primi tre mesi dell’anno con un utile netto pari a 306 milioni di euro, in calo del 61,9% rispetto agli 804 milioni di euro registrati nel primo trimestre del 2012 ma superiore rispetto alle attese del consenso a 270 milioni di euro. Dal punto di vista dei coefficienti patrimoniali, al 31 marzo 2013 il Core Tier 1 ratio è risultato pari all’11,3%, il Tier 1 ratio al 12,1% e il coefficiente patrimoniale totale al 13,6%.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.