Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Secondo i gestori di M&G, le obbligazioni convertibili sono un asset interessante da inserire all’interno del portafoglio di investimenti al fine di attuare un’attenta diversificazione. Tra i fattori che le rendono interessanti figurano rendimenti potenzialmente più elevati rispetto alle obbligazioni corporate investment grade e un livello di rischio inferiore rispetto alla pura esposizione all’azionariato.

Gli esperti hanno inoltre selezionato quelle che a loro avviso sono le migliori obbligazioni convertibili sul mercato, ovvero:

–  TUI Travel,  società del Regno Unito che opera nel settore dei viaggi. Offre uno yield del 5,6% e vanta una scarsa sensibilità all’azionario (20%).

Orix Corporation, società giapponese che opera nel settore finanziario sia sul mercato interno che negli Stati Uniti. Paga una cedola dell’1% e presenta un’elevata sensibilità all’azionariato (78%).

Lukoil, società russa che opera nel settore petrolifero. Ha un’esposizione alle azioni del 43% e paga una cedola superiore al 2,5%.

Elekta, società svedese del settore farmaceutico. È piuttosto sensibile all’azione e offre una cedola del 2,75%.

Nexans, società europea che opera nel settore dei cavi.  Offre una cedola del 2,5%.

Sterlite Industries, società indiana che opera nell’estrazione dei metalli non ferrosi. Offre un rendimento corrente del 4%.

–  Salix Pharmaceuticals, società farmaceutica statunitese. La cedola è dell’1,5%.

KDDI Corporation, società giapponese che si occupa della fornitura di servizi mobile e a banda larga. L’obbligazione convertibile è piuttosto sensibile all’azionario (60%) ma al contempo il rendimento è nullo.

LAM Research, società statunitense che produce semiconduttori.  Ha una sensibilità all’azionariato del 34% e la cedola è dell’1,25%.

CACI International, società USA che opera nei servizi IT e nella sicurezza. Ha una sensibilità all’azionariato di oltre il 2% e paga una cedola superiore al 2%.

 

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.