Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Gli analisti di Mediobanca questa mattina hanno tagliato il rating sul titolo Banco Popolare da “neutral” a “underperform”, mentre il prezzo obiettivo è stato confermato a 0,95 euro.

Gli analisti hanno spiegato di aver preso tale decisione soprattutto in considerazione del Core Tier 1 ratio molto basso e che per quest’anno è stimato sotto l’8%. A fronte del difficile contesto macroeconomico, dunque, secondo gli esperti di Piazzetta Cuccia, per poter ridurre il gap con i principali competitor sul fronte della capitalizzazione, Banco Popolare avrebbe bisogno di un capitale aggiuntivo per complessivi 1,3 miliardi di dollari. Tale cifra, infatti, le consentirebbe di trattare a 0,5 volte il tangible equity, quindi ad un multiplo piuttosto generoso.

Altro aspetto negativo sottolineato dagli esperti di Banco Popolare riguarda i crediti deteriorati, che al 31 marzo scorso rappresentavano più del 200% del Core Tier 1. Infine, secondo gli analisti di Mediobanca, Banco Popolare dispone di limitate opzioni per ricostituire il capitale, in quanto beneficia già dei modelli IRBA. A differenza dei principali competitor, infatti, non può contare su un’improvvisa drastica riduzione degli asset ponderati per il rischio (RWA) ma solo solo su eventuali cessioni.

Da qui, dunque, la decisione di rivedere la valutazione sul titolo, nonostante le indicazioni operative emerse dalla stampa nel fine settimana siano risultate migliori delle stime di alcuni analisti a livello di accantonamenti sui crediti.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.