Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

A pochi giorni dalla pubblicazione dei risultati realizzati dalle banche italiane nel corso dei primi nove mesi dell’anno, gli analisti di Credit Suisse hanno deciso di mantenere una posizione improntata alla cautela e di tagliare le stime in media del 9%.

La banca preferita dagli esperti della banca d’affari svizzera è Intesa Sanapolo, su cui hanno rating “neutral” e target price rivisto al rialzo da 1,35 a 1,40 euro, soprattutto a fronte della sua elevata redditività e delle prospettive di capitale. Su UBI Banca è invece stato espresso rating “underperform” e target price invariato a 2,50 euro, in particolare la visione degli analisti è decisamente positiva sul fronte del  finanziamento e del livello di solvibilità, mentre restano caute le prospettive a livello di redditività (4-5% per il 2014-2015).

Su Unicredit il rating è “neutral” con prezzo obiettivo rivisto da 3,60 a 3,35 euro, soprattutto a fronte delle incertezze riguardanti il mercato italiano, mentre resta costante il supporto dell’area Cee e della Germania, a cui si aggiunge l’impatto positivo derivante dai maggiori sforzi a livello di costi che dovrebbero consentire alla banca di raggiungere un RoTBV del 4-5% nel 2013. Infine, l’istituto considerato più debole è Banca MPS, su cui la banca ha rating “underperform” e target price rivisto da 0,16 a 0,15 euro, alla luce della redditività pari a zero prevista per il 2013.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.