Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Al termine della riunione del Consiglio di amministrazione tenuta ieri pomeriggio, Telecom Italia ha comunicato il rinvio della decisione definitiva in merito ad un eventuale scorporo della rete alla prossima riunione, fissata per il 30 maggio 2013.

Nel corso dell’incontro di ieri, dunque, i membri del Consiglio di amministrazione si sono limitati a proseguire l’analisi della fattibilità dell’operazione. Al riguardo, in particolare, Asati, l’associazione dei piccoli azionisti, ha auspicato che la società arrivi ad optare per la costituzione di una società per la rete di accesso posseduta al 100% dalla stessa Telecom Italia, ma nella quale vengano al contempo fatti confluire tutti quei soggetti che hanno reti significative nell’accesso in fibra ottica, tra cui Metroweb e Infratel.

La stessa Asati ha inoltre chiesto che si proceda ad un aumento di capitale riservato alla Cassa Depositi e Prestiti, invitando pertanto il governo a esaminare  una possibile soluzione che potrebbe essere accettata anche da Telefonica. L’associazione ha inoltre auspicato che eventuali altre partecipazioni di importanti azionisti vengano prese in considerazione senza pregiudizi di provenienza, in quanto potrebbero essere utili se creassero anche sinergie di mercato, purchè ciò avvenga mediante operazioni trasparenti che non danneggino le minorities.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.