Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

A Piazza Affari nel corso della seduta odierna il titolo Telecom Italia è protagonista di una straordinaria performance sulla scia oltre che dell’andamento al rialzo dei principali indici azionari del listino milanese anche delle indiscrezioni di stampa in merito ad una possibile quotazione in Borsa della rete di accesso.

Lo scopo sarebbe quello di determinarne la corretta valutazione in considerazione della notevole distanza di valutazione dell’asset tra la Cassa depositi e prestiti, secondo la quale il valore sarebbe di 10 miliardi di euro, e Telecom Italia, secondo cui il valore sarebbe invece di 15 miliardi di euro. Stando ai rumors, sarebbe stata proprio la stessa Cdp a proporre la quotazione in Borsa e il suo contestuale ingresso nel capitale della newco.

Al riguardo gli analisti di Kepler, che sul titolo hanno rating “buy” e target price a 1 euro, ritengono che separando la rete il gruppo dovrebbe cristallizzarne il valore e diminuire i rischi per il bilancio, affrontando al contempo quello che è considerato il problema principale della struttura azionaria, ovvero il mancato sostegno della crescita industriale di lungo termine. Gli stessi analisti di Kepler si dicono ottimisti in merito al possibile accordo con Hutchison Whampoa, in relazione al quale maggiori informazioni dovrebbero arrivare al termine della riunione del Consiglio di amministrazione dell’8 maggio prossimo. Per gli analisti di Intermonte, che sul titolo hanno rating “neutral” e target price a 0,75 euro, l’eventuale Ipo della rete è una notizia neutrale-positiva, mentre è considerato negativo il divario di valutazioni.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.