Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

I coefficienti patrimoniali sono utilizzati per misurare la quantità di capitale di una banca e la sua esposizione al rischio di credito ponderato. In particolare, è stato sviluppato uno standard internazionale che indica i livelli al di sotto dei quali non è possibile scendere, in quanto significherebbe che la banca non ha le risorse necessarie per assorbire un livello sufficiente di perdite prima di diventare insolvente.

Tra i vari coefficienti di adeguatezza patrimoniale utilizzati per misurare la capitalizzazione delle banche senza dubbio figura al primo posto per importanza il Tier 1 Capital, detto anche patrimonio di base, alla cui formazione concorrono il capitale versato, le riserve (compreso il sovrapprezzo azioni) e gli utili non distribuiti. Per contro, non concorrono alla sua formazione le azioni proprie, l’avviamento, le immobilizzazioni immateriali e le perdite dei vari esercizi.

Il Tier 2 Capital è invece il patrimonio supplementare composto dalle riserve di valutazioni e da un’ampia schiera di strumenti sia di capitale che ibridi, mentre il Tier 3 Capital, anche detto prestiti subordinati di terzo livello, accoglie una serie di strumenti che non vengono inclusi nel Tier 1 e nel Tier 2. Infine, il Core Tier 1 ratio, è il rapporto tra il patrimonio di base di una banca e gli impieghi ponderati per il rischio, in particolare esso indica con quali risorse “primarie” la banca è in grado di garantire i prestiti che effettua alla clientela e i rischi che possono derivare da sofferenze, incagli e altri crediti deteriorati.

Indicativo del patrimonio delle banche è anche il cosiddetto common equity, considerato il patrimonio di qualità primaria in rapporto alle attività ponderate, calcolato escludendo dal patrimonio netto di una società le attività immateriali e gli strumenti di patrimonializzazione diversi dalle azioni ordinarie. Infine, sempre in tema di patrimonio delle banche, si intende per buffer un ulteriore “cuscino” di capitale, da aggiungere al patrimonio di qualità, e avente una funzione anti-crisi.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.