Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Al termine dell’incontro tenuto ieri pomeriggio tra RCS MediaGroup e il pool di banche creditrici (ovvero Intesa Sanpaolo, Ubi Banca, Unicredit, Bpm, Bnl e Mediobanca) è emersa un’importante novità riguardante la già annunciata operazione di ricapitalizzazione. L’importo dell’aumento di capitale, infatti, è stato tagliato a 380 milioni di euro rispetto ai 400 milioni di euro già annunciati. Pertanto, nel corso della prossima riunione, fissata per il 30 maggio prossimo, l’Assemblea degli azionisti del gruppo editoriale si troverà a doversi pronunciare su una proposta di aumento di capitale per complessivi 380 milioni di euro.

Sempre nel corso dell’incontro di ieri sono inoltre state esaminate due richieste avanzate da RCS nei  confronti del gruppo di banche creditrici, ovvero la revisione al ribasso i cosiddetti “basis point” delle tre linee di finanziamento, per un totale di 575 milioni di euro, e la riduzione della prima rata da rimborsare, da 200 a 150 milioni.

Su esplicita richiesta della Consob, inoltre, RCS ha fatto sapere che lo scorso 17 maggio è stata inviata a tutti gli istituti di credito coinvolti nel processo di rinegoziazione delle linee di credito in scadenza una richiesta di revisione di alcuni termini e condizioni economiche previsti dal “term-sheet” approvato e firmato lo scorso aprile, in cosiderazione del miglioramento registrato dai mercati finanziari.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.