Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Nel corso della riunione che ha avuto luogo ieri, il Consiglio di amministrazione di Tod’s ha approvato i risultati preliminari relativi all’esercizio 2012. In particolare, il gruppo attivo nel settore del lusso avrebbe archiviato lo scorso anno con un fatturato consolidato a 963,1 milioni di euro, ossia in crescita del 7,8% rispetto all’anno precedente. A cambi costanti i ricavi si attesterebbero a 937,2 milioni di euro, con un incremento del 4,9% rispetto al 2011. Se si considera solo il quarto trimestre dell’anno, invece, i ricavi sarebbero stati pari a 213,2 milioni di euro, ovvero in crescita del 9,6% rispetto al quarto trimestre 2011.

Per quanto riguarda il contributo di ciascun marchio al fatturato, Tod’s avrebbe realizzato 569,7 milioni di euro (+16,8%), Hogan 243,4 milioni di euro (-13,3%), Fay 74,5 milioni di euro (-15,2%) e Roger Vivier 74,5 milioni di euro (+104,2%). Nel comunicato stampa mediante cui sono stati resi noti i risultati preliminari, viene specificato che i risultati dei marchi Hogan e Fay sono stati influenzati dalla decisione di razionalizzare la distribuzione italiana, tenendo conto dell’attuale situazione del mercato.

Infatti, come dimostrano i dati preliminare relativi alla distribuzione dei ricavi a livello geografico, nel corso del 2012 è diminuito il contributo del mercato italiano (383,9 milioni di Euro, -14,5% rispetto al 2011) proprio a fronte della scelta del gruppo di ridurre in modo significativo la distribuzione wholesale in Italia. Contemporaneamente, tuttavia, è cresciuto il peso delle vendite realizzate all’estero.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.