Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Il Consiglio di amministrazione di Ima, in considerazione dei risultati realizzati dal gruppo nel corso della prima parte di quest’anno e del miglioramento della posizione finanziaria netta, ha deciso di distribuire un dividendo straordinario ai suoi azionisti. L’ammontare della cedola è di 1,25 euro per azione, con data di stacco del dividendo il 25 novembre 2013 e messa in pagamento il giorno 28 dello stesso mese.

In ralazione all’esercizio 2013, dunque, gli azionisti della multinaziopnale italiana intascheranno una remunerazione extra, particolarmente gradita soprattutto se anticipata all’ultima parte dell’esercizio di riferimento, proprio come in questo caso. Il dividendo straordinario annunciato è comunque una proposta del Consiglio di amministrazione, che dovrà poi essere sottoposta al vaglio dell’assemblea, anche se si tratta comunque generalmente solo di una formalità.

Oltre ad annunciare la distribuzione di un dividendo straordinario, la società ha inoltre fatto sapere che eserciterà l’opzione per la conversione del prestito obbligazionario Ilapak, per un ammontare complessivo di 3 milioni di euro, portando in questo modo la sua quota al 51% dall’attuale 40%. In termini economico-finanziari, tale operazione dovrebbe comportare per il periodo agosto-dicembre 2013 un fatturato incrementale di circa 40 milioni di euro, un ebitda intorno ai 4 milioni di euro e un debito finanziario incrementale pari a circa 10 milioni di euro.

Infine, la società ha fornito le sue previsioni per l’intero esercizio in corso, al termine del quale prevede ricavi in crescita a circa 760 milioni dai 734,3 milioni del 2012 e un ebitda a circa 105 milioni, in leggero aumento rispetto ai 101,4 milioni della fine dello scorso anno.

+

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.