Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Saipem ha diffuso i conti relativi all’esercizio 2013, piuttosto deludenti sia se paragonati alle aspettative della stessa società che se confrontati con quelle che erano le previsioni del consensus. A fronte di ciò, dunque, il gruppo quotato a Piazza Affari ha deciso di non distribuire alcun dividendo ai suoi azionisti, entrando così a far parte dell’elenco dei dividendi non distribuiti nel 2014.

Nel dettaglio, Saipem ha archiviato il 2013 con ricavi pari a 12 miliardi di euro, in calo quindi rispetto ai 13,37 miliardi registrati nel 2012. In calo anche il margine operativo lordo, pari a 626 milioni di euro rispetto ai 2,21 miliardi registrati nell’anno precedente, mentre il reddito operativo è stato negativo per 98 milioni, contro il dato positivo per 1,48 miliardi di euro registrato nel 2012.

Saipem ha archiviato il 2013 con una perdita complessiva di 404 milioni di euro, un dato piuttosto deludente soprattutto se confrontato con l’utile di 902 milioni di euro registrato nel 2012. L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2013 è risultato pari a 4,71 miliardi di euro, quindi in peggioramento di 429 milioni di euro rispetto al dato registrato all’inizio dell’anno.

Se si considera solo il quarto trimestre dell’anno, i ricavi si sono attestati a 3,3 miliardi di euro, dai 3,43 dello stesso periodo del 2012, mentre il margine operativo lordo è sceso da 511 a 342 milioni di euro. L’utile è passato invece da 180 a 70 milioni di euro.

Contestualmente alla pubblicazione dei risultati realizzati nel 2013, Saipem ha fornito anche indicazioni per l’esercizio in corso, affermando di prevedere ricavi tra 12,5 e 13,6 miliardi di euro, un reddito operativo tra i 600 e i 750 milioni di euro e un utile netto compreso tra i 280 e i 380 milioni di euro.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Lascia un commento