Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

In questi giorni numerosi contribuenti italiani sono alle prese con il calcolo della Tasi, in quanto nei Comuni che hanno provveduto a determinare le aliquote entro il termine stabilito la prima rata dovrà essere versata entro il 16 giugno prossimo. In tutti gli altri, invece, l’acconto andrà versato ad ottobre e il saldo a dicembre.

Pur essendo presenti numerose guide su come si calcola la Tasi, trattandosi di un calcolo che nella maggior parte dei casi i contribuenti effettuano in maniera autonoma, quindi senza affidarsi ad un professionista, non è assolutamente remota l’ipotesi che si sia commesso qualche errore pagando quindi una somma non corrispondente a quella che si sarebbe dovuta pagare. Tuttavia, per fortuna, chi sbaglia a pagare per via di un calcolo errato non dovrà pagare né sanzioni né interessi. Infatti, a tutelare i contribuenti in tal caso ci pensa lo Statuto del contribuente (Legge 212/2000). In particolare, secondo l’articolo 10 dello Statuto, il contribuente non deve essere sanzionato se commette una violazione a seguito di fatti direttamente conseguenti a ritardi, omissioni o errori dell’amministrazione, oppure per obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull’ambito di applicazione della norma tributaria.

Stessa cosa vale anche per chi paga in ritardo. Questo perché il Decreto Legge 88/2014 stabilisce che l’acconto della Tasi deve essere pagato entro il 16 giugno nei 2.181 Comuni che hanno deliberato le aliquote e le detrazioni entro il 23 maggio scorso. Tuttavia, riguardo alle scadenze si è creato un vero e proprio caos dato dal fatto che alcuni Comuni, nelle loro delibere, hanno previsto scadenze diverse rispetto a quella di Legge. Tuttavia, non è stato stabilito entro quando bisogna pagare per evitare sanzioni, per cui meglio non aspettare troppo e procedere al pagamento il prima possibile.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Lascia un commento