Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Molto spesso in tv si ascoltano notizie relative all’andamento dello spread Btp-Bund, che gli investitori ritengono un valido indicatore dello stato di salute dei conti pubblici italiani. Ma cosa sono esattamente i BTp? Si tratta di titoli di stato emessi dal Tesoro italiano con una durata di medio-lungo periodo e caratterizzati dalla distribuzione di una cedola fissa fino a quando non avviene il rimborso finale. I BTp sono i Buoni del Tesoro poliennali, che presentano scadenze che vanno dai 2 ai 30 anni.

Il BTp più seguito dagli investitori è il decennale, utilizzato anche come benchmark per il calcolo dello spread. I BTp con durata dai 2 ai 3 anni sono molto sensibili all’andamento del mercato monetario, ma le quotazioni sono meno influenzate dalle oscillazioni dei tassi di mercato rispetto ad esempio ai BTp a 10 o 30 anni. L’andamento dei BTp non è facilmente prevedibile sulle scadenze di lungo periodo.

Infatti entrano in gioco diverse variabili chiave come il sentiment del mercato, le aspettative sul ciclo economico e sui tassi di mercato, l’andamento dell’economia domestica e dei conti pubblici. I BTp vengono emessi dal Tesoro attraverso le classiche aste sul mercato primario. Successivamente i BTp potranno essere acquistati e venduti liberamente sul mercato secondario dei titoli di stato, quali EuroMts ed EuroMot. Per calcolare il rendimento di un BTp è necessario utilizzare appositi fogli excel, anche se diversi siti di informazione finanziaria forniscono questi dati in tempo reale.

Il fatto che il BTp sia un titolo fixed income, ovvero a reddito fisso, fa sì che questo titolo di stato sia adatto a proteggere il capitale nelle fasi in cui i tassi di mercato sono in discesa. Il valore “reale” dei BTp tende a diminuire quando vi è un deciso aumento del tasso di inflazione. I rendimenti di un BTp tendono a salire quando gli investitori percepiscono una maggiore rischiosità dell’investimento.

+

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.