Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

In un recente report gli analisti di Société Générale hanno analizzato i titoli azionari delle principali banche italiane, indicando per ciascuna di esse rating e target price, nonché le previsioni per i mesi a venire riguardo all’andamento del business. In tale contesto, gli esperti hanno sottolineato come le azioni bancarie italiane trattino con uno sconto del 30% circa rispetto alle altre banche europee, pur precisando che se si considera il gap in termini di rote (return on tangible equity) con queste allora risulta che trattano con un premio del 7,7% rispetto alle altre banche europee.

In ogni caso, a chi è deciso a puntare parte del proprio capitale sulle banche italiane gli esperti della banca francese consigliano di puntare su Intesa Sanpaolo, Ubi Banca e Banca Popolare di Milano, avendo indicato per tutte rating “buy”.

In particolare, per quanto riguarda Intesa Sanpaolo, il target price indicato è di 2,70 euro, valore che implica un ritorno totale a 12 mesi del 12% circa. Secondo gli analisti, si tratta di una tra le banche più solide e sottovalutate del Sud Europa, che trarrà vantaggio soprattutto dalla progressiva riduzione delle attività a rischio. Analoga valutazione è stata espressa per Ubi Banca, con un prezzo obiettivo di 7,50 euro che implica un rendimento totale ad un anno del 10% circa. Per Banca Popolare di Milano, invece il ritorno totale calcolato è del 42% circa, a fronte di un prezzo obiettivo di 0,84 euro.

Giudizio positivo anche per Unicredit e Banca Popolare dell’Emilia Romagna, con rating hold e target price di 6,50 euro per la prima (+3%) e 8,50 euro per la seconda (+6%).

Al contrario, secondo gli esperti di Société Générale, sono da evitare Banco Popolare e Banca Monte dei Paschi di Siena. Su entrambe è stato infatti fissato rating “sell”, con un target price rispettivamente di 12 e 14 euro.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Lascia un commento