Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Sulla base di quanto indicato dal calendario aste titoli di Stato 2014 pubblicato dal Dipartimento del Tesoro qualche settimana fa, per chi intende investire in obbligazioni governative durante il mese di gennaio 2014 gli appuntamenti da segnare in calendario riguardano cinque giorni in tutto.

Si parte come di consueto con l’asta per il collocamento di Buoni Ordinari del Tesoro con scadenza a un anno, in programma per il giorno 10, con comunicazione contenente i dettagli del collocamento che sarà diffusa tramite pubblicazione sul sito del Dipartimento del Tesoro il giorno 7 gennaio a mercati chiusi. Tale comunicazione infomerà anche sull’eventuale emissione di BOT flessibili o BOT trimestrali, emissioni che ricordiamo sono legate a specifiche esigenze di cassa. Il regolamento delle sottoscrizioni è fissato per il giorno 14.

Seguirà poi l’asta di BTP (Buoni del Tesoro Poliennali) con scadenza a tre anni fissata per il giorno 13, con comunicazione contenente i dettagli del collocamento che sarà diffusa il giorno 8 a mercati chiusi e regolamento delle sottoscrizioni che avrà luogo il giorno 15.

Archiviata l’asta dei BTP triennali, si passa poi alle aste in programma per la seconda metà del mese, ovvero alle aste di CTZ (Certificati del Tesoro Zerop Coupon) e di BTP€i (BTP indicizzati all’inflazione europea). Entrambe si terranno il giorno 28, con comunicazione contenenti i dettagli per entrambi i collocamenti diffuse il giorno 23 a mercati chiusi e regolamento delle sottoscrizioni fissato per il giorno 31.

Il giorno 29 si terrà l’asta per il collocamento di BOT semestrali, seguita il giorno 30 dall’ultima asta del mese, quella avente ad oggetto il collocamento di BTP con scadenza a cinque e dieci anni. Le comunicazioni saranno diffuse rispettivamente il 24 e il 27 gennaio. Per quanto riguarda il regolamento delle sottoscrizioni, per i BOT avrà luogo il giorno 31, mentre per i BTP il giorno 3 a mercati chiusi.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.