Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

In esecuzione di quanto deliberato dal Consiglio di amministrazione di Fiat S.p.A. nel corso della riunione tenuta il 1° febbraio scorso, il gruppo automobilistico provvederà all’emissione di un prestito obbligazionario denominato in franchi svizzeri.

L’annuncio relativo al lancio del bond è arrivato questa mattina, in particolare Fiat ha confermato che l’emissione avrà ad oggetto un prestito obbligazionario garantito con scadenza novembre 2016 per un ammontare complessivo pari a 400.000.000 di franchi svizzeri (equivalenti a circa 331,2 milioni di euro). Il prezzo di emissione sarà pari al 100% del valore nominale, mentre sul fronte del rendimento è prevista una cedola fissa del 5,25%. Il regolamento contenente tutti i dettagli dell’emissione sarà diffuso il giorno 23 novembre 2012, in linea con la prassi del mercato svizzero. I titoli saranno quotati sul mercato regolamentato Svizzero (SIX Swiss Exchange).

Fiat ha inoltre precisato che l’emissione sarà effettuata da Fiat Finance and Trade Ltd, società interamente controllata da Fiat S.p.A., nell’ambito del programma di Global Medium Term Notes garantito da Fiat S.p.A.. Nell’ambito di tale operazione il ruolo di joint bookrunner è affidato a UBS e RBS. UBS, ricordiamo, ha giù curato la precedente emissione di obbligazioni in franchi svizzeri disposta da Fiat, nonché quella lanciata da Enel, seconda società italiana dopo Fiat ad aver emesso bond denominati in valuta elvetica.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.