Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Gli analisti di Citigroup ritengono che le azioni A2A siano da vendere, avendo abbassato il rating da “neutral” a “sell”. Il target price è stato invece portato a 0,57 euro dalla precedente valutazione di 0,47 euro per azione.

In particolare, gli analisti della banca d’affari statunitense hanno sottolineato che grazie agli effetti positivi derivanti dalla riduzione dei tassi di interesse e grazie alle efficaci azioni poste in essere dal management per la riduzione del debito e il taglio dei costi, l’utility ha registrato nell’ambito del suo settore di appartenenza la migliore performance dall’inizio dell’anno ad oggi.

Tuttavia, le stime per l’esercizio in corso parlano di un Roce (Return on capital employed) del 3,7%, ovvero un livello giudicato troppo basso e che potrebbe costringere la società a porre in essere una ristrutturazione che andrebbe inevitabilmente a deteriorare gli utili, circostanza che non risulta scontata nei prezzi attuali. Questo è quindi il motivo del taglio del rating, mentre la decisione di alzare il target price è legata all’effetto positivo derivante dal taglio dei tassi di interesse.

Il downgrade arrivato dagli esperti di Goldman Sachs nel corso della seduta odierna ha influito negativamente sull’andamento del titolo A2A, che in tarda mattinata registra una flessione di oltre un punto e mezzo percentuale dopo aver perso circa il 2% in apertura.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.