Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Borsa italiana ha comunicato che le azioni ordinarie e di risparmio Saipem, insieme ai relativi strumenti derivati, sono state riammesse alle negoziazioni dopo la sospensione disposta ieri in attesa di un comunicato, a fronte del forte calo registrato dal titolo a causa di alcune indiscrezioni di stampa che ipotizzavano una possibile uscita di scena dell’amministratore delegato Pietro Franco Tali.

A seguito della sospensione, ieri in serata la controllata di Eni ha diramato una nota in cui, confermando i rumors circolati alcune ore prima, ha informato delle dimissioni di Pietro Franco Tali dalle cariche di amministratore delegato e vicepresidente di Saipem a seguito dell’indagine avviata dalla Procura di Milano in relazione a presunti reati di corruzione commessi in relazione ad alcuni contratti siglati in Algeria entro il 2009.

A fronte di ciò, il Consiglio di amministrazione di Saipem ha accettato le dimissioni di Pietro Franco Tali, ha nominato Umberto Vergine nuovo amministratore delegato e ha ha deliberato la sospensione cautelare di Pietro Varone dalla funzione di Chief Operating Officer della Business Unit Engineering and Construction a fronte  di una notifica di informazione di garanzia nei suoi confronti da parte della Procura della Repubblica di Milano nell’ambito della stessa indagine.

Saipem ha inoltre informato di ritenere che la propria attività sia stata sempre svolta nel rispetto delle leggi applicabili, delle procedure interne, del codice etico e del modello 231, pertanto si è detta disposta ad offrire massima collaborazione alla Procura di Milano.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.