Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Rischio downgrade per il comparto bancario italiano. L’agenzia di rating Moody’s ha comunicato di aver messo sotto osservazione il rating della banche italiane in vista di una possibile bocciatura a causa del perdurare del difficile contesto macroeconomico.

L’agenzia di rating statunitense, in particolare, nel suo rapporto intitolato “Banking System Outlook: Italy” sottolinea le prospettive negative del sistema bancario italiano e il perdurare di evidenti trend avversi sul settore.  A questo bisogna poi aggiungere un progressivo deterioramento della qualità degli asset e un ristretto accesso al mercato dei finanziamenti.

Tutti questi fattori, spiega Moody’s, si sono ulteriormente intensificati nel corso dell’ultimo anno, per cui la situazione per le banche italiane continuerà ad essere difficile almeno per i prossimi 12-18 mesi. Nonostante gli istituti di credito italiani siano comunque riusciti a rafforzare le proprie posizioni a livello di capitale, i livelli restano non solo molto vulnerabili ma anche al di sotto di quelli degli altri grandi sistemi bancari europei.

Pertanto, secondo Moody’s, nel corso dei prossimi mesi la qualità degli asset delle banche italiane continuerà a deteriorarsi, soprattutto in considerazioni delle previsioni sul Pil dell’Italia, che a suo avviso nel 2012 registrerà una contrazione compresa tra il 2% e il 3%, mentre nel 2013 dovrebbe calare dell’1% o rimanere invariato. La fase recessiva ancora in corso inciderà quindi inevitabilmente sulla redditività delle banche, impedendo una normalizzazione del trend nel periodo temporale dell’outlook.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.