Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

I listini europei tornano in terreno positivo dopo ben cinque sedute segnate da forti perdite che hanno bruciato 2500 miliardi. L’esito del referendum in Gran Bretagna sulla permanenza o meno dei sudditi di Sua Maestà nell’Unione e i rischi legati a una Brexit hanno portati gli investitori ad orientarsi verso i beni cosiddetti rifugio: l’oro, lo yen e i titoli di Stato dei Paesi più solidi.

brexit

L’agenda macroeconomica di oggi sposta le attese sulla relazione della Federal Reserve che non dovrebbe, però, riservare sorprese: la volatilità dei mercati e il deludente rapporto sul lavoro americano pubblicato qualche giorno fa hanno fatto scendere parecchio le quotazioni di un rialzo dei tassi. Gli analisti scommettono su un intervento rinviato dopo l’estate.

Intanto i mercati tornano a trattare in terreno positivo. A Milano l’indice Ftse mim guadagna l’1,7%, portandosi a quota 16.549 punti. Si segnala il progresso di Madrid che guadagna quasi due punti percentuali (+1,96%); bene anche Parigi (+1,34%) e Francoforte (+1,13%).

A Piazza Affari si segnala il recupero del comparto bancario: Unicredit  (+2,53% a 2,26 euro), Intesa Sanpaolo  (+1,62% a 1,94 euro), Mps  (+3,48% a 0,505 euro), Ubi Banca (+2,37% a 2,67 euro) e il Banco Popolare  (+2,94% a 2,52 euro).

I timori della Brexit continuano ad alimentare la tensione sui mercati dei titoli di Stato anche se stamani lo spread tra Btp e Bund è sceso a 142 punti, dopo aver chiuso ieri a quota 145. Il tasso sul decennale è all’1,43%. Ieri per la prima volta nella storia è passato in negativo il rendimento del decennale tedesco che oggi è risalito in terreno positivo a +o,o1%.

L’euro è stabile sul dollaro: la divisa europea è scambiata con 1,122 dollari; mentre recupera sullo yen; oggi un euro vale 119,3 yen. La sterlina recupera terremo sul dollaro, il cambio odierno col biglietto verde è a 1,4172.

Rialzi più contenuti per le principali Borse asiatiche: Tokyo ha chiuso con un guadagno dello 0,38%, con l’indice Nikkei 225 che si ferma a quota 15.919 punti. Fa meglio la Borsa cinese: Shanghai chiude con un rialzo dell’1,5%.

In calo il prezzo del petrolio, ai minimi da tre settimane: il barile di Brent è scambiato a 49,11 dollari, mentre il greggio Usa a 47,78 dollari il barile. In lieve flessione (-0,1%), ma sempre sui livelli massimi dell’ultimo mese, il prezzo dell’oro: un’oncia del metallo prezioso oggi costa 1284 dollari.

Hai mai pensato di ottenere ingenti profitti extra con il trading binario? Se non l’hai fatto, dovresti seriamente prendere questa opportunità in considerazione.

Per operare con successo nel trading online avrai prima di tutto bisogno di affidarti ad un broker regolamentato CySEC che abbia a cuore la tutela dei tuoi fondi nonché la tua formazione.

Operare avendo alle spalle una solida conoscenza delle nozioni fondamentali del trading incrementerà esponenzialmente le tue chance di profitto.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.