Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

A Piazza Affari stamane il titolo Telecom Italia viaggia in territorio negativo, sulla scia dell’andamento al ribasso dei principali indici azionari del listino milanese, nonchè della valutazione negativa arrivata dagli analisti di Standard & Poor’s, che nel corso delle ultime ore hanno comunicato di aver tagliato il rating sul titolo della compagnia telefonica italiana portandolo da BBB a BBB-, ossia l’ultimo gradino prima del livello “junk”(spazzatura).

La decisione, come hanno spiegato gli stessi analisti dell’agenzia di rating statunitense, è stata presa in considerazione della leva finanziaria troppo elevata e delle difficili prospettive del mercato del settore italiano delle telecomunicazioni. A loro avviso, infatti, il gruppo dovrà fronteggiare condizioni difficili sul mercato italiano oltre che durante tutto il 2013 anche nel corso del prossimo anno, inoltre le prospettive di ritorno alla crescita appaiono piuttosto incerte. L’outlook è stato comunque mantenuto a “stabile”, soprattutto in considerazione della buona posizione in mercati che si ritiene abbiano buone possibilità di crescita, come ad esempio il Brasile.

Nei giorni scorsi, ricordiamo, l’agenzia di rating Moody’s ha ipotizzato un nuovo taglio del rating di Telecom Italia in considerazione dei risultati realizzati nel corso del primo trimestre di quest’anno, che a loro avviso lasciano presagire la possibilità che il gruppo telefonico non riesca a raggiungere gli obiettivi prefissati per l’esercizio in corso.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.