Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Il Consiglio di amministrazione di RCS MediaGroup ha definito le condizioni dell’aumento di capitale che partirà lunedì 17 giugno 2013. Nel dettaglio, l’operazione di ricapitalizzazione avrà un ammontare massimo di circa 421 milioni di euro e sarà realizzato mediante emissione di massime 323.807.079 azioni ordinarie e di massime 77.878.422 azioni di risparmio di Categoria B.

Le azioni ordinarie saranno offerte in opzione agli azionisti ordinari al prezzo di 1,235 euro per azione, nel rapporto di opzione di 3 azioni ordinarie per ogni azione ordinaria già posseduta, mentre le azioni di risparmio di Categoria B saranno offerte in opzione agli azionisti di risparmio al prezzo di 0,268 euro, nel rapporto di opzione di 3 nuove azioni di risparmio di Categoria B ogni azione di risparmio già posseduta, per un controvalore massimo pari a circa 21 milioni di euro. Il prezzo di emissione di entrambe le categorie di azioni è stato determinato applicando uno sconto pari a circa il 30% rispetto al prezzo teorico ex diritto calcolato sulla base della media aritmetica dei prezzi ufficiali di Borsa registrati nei giorni 11, 12 e 13 giugno 2013.

I diritti di opzione potranno essere esercitati nel periodo compreso tra il 17 giugno e il 5 luglio, mentre gli stessi diritti saranno negoziabili in Borsa nel periodo compreso tra il 17 giugno e il 28 giugno. I diritti eventualmente rimasti inoptati al termine del periodo di offerta saranno offerti in Borsa, entro il mese successivo alla scadenza del periodo di offerta in opzione.

Nell’ambito di tale operazione Banca IMI, BNP Paribas, UBI Banca, Mediobanca, Commerzbank, Banca Aletti, Banca Akros e Credit Suisse Securities (Europe) hanno sottoscritto un accordo di garanzia relativamente alle sole azioni ordinarie eventualmente non sottoscritte al termine dell’operazione per un ammontare complessivo massimo di 185,5 milioni di euro. Se a tale cifra si aggiungono gli impegni già assunti dai soci, l’aumento di capitale risulta già sottoscritto per 380 milioni di euro.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.