Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Enel ha comunicato i risultati preliminari relativi all’esercizio 2012, che evidenziano ricavi pari a 84,9 miliardi di euro, in crescita del 6,8% rispetto ai 79,5 miliardi di euro del 2011, e un margine operativo lordo di 16,7 miliardi di euro, in diminuzione del 5,1% rispetto ai 17,6 miliardi di euro del 2011.

In particolare, il giro d’affari è migliorato rispetto allo scorso anno soprattutto grazie ai maggiori ricavi realizzati mediante la vendita e il trasporto di energia elettrica, il trading di combustibili e la vendita di gas ai clienti finali. La crescita del margine operativo lordo è invece stata ricondotta principalmente alla riduzione del margine di generazione in Italia e alla variazione del perimetro di consolidamento derivante dalle cessioni effettuate, nonché all’andamento positivo delle Divisioni Mercato, Energie Rinnovabili e Internazionale.

Al 31 dicembre 2012 l’indebitamento finanziario netto è risultato pari a 42,9 miliardi di euro, ossia in diminuzione di circa 1,7 miliardi di euro rispetto ai 44,6 miliardi di euro registrati alla fine del 2011. Tale flessione è da ricondurre principalmente ai risultati della gestione corrente e ai disinvestimenti effettuati, che hanno più che compensato gli investimenti, i dividendi, gli interessi  e le imposte.

L’Amministratore delegato e Direttore Generale, Fulvio Conti, nel commentare i risultati preliminari ha affermato che per il 2012 il gruppo è riuscito a centrare gli obiettivi indicati al mercato in termini sia di margine operativo lordo sia di indebitamento finanziario netto, nonostante il contesto macroeconomico e regolatorio particolarmente sfavorevole.

I risultati definitivi saranno comunicati il 12 marzo prossimo, insieme all’ammontare del dividendo che sarà distribuito nel corso della prima parte del 2013 in relazione all’esercizio 2012.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Lascia un commento