Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Italcementi ha archiviato il primo trimestre dell’anno con una perdita di 58,5 milioni di euro, superiore quindi rispetto al rosso di 34,4 milioni realizzato nello stesso periodo dello scorso anno. Il margine operativo lordo ha registrato una flessione del 36,8% a 88,7 milioni, mentre i ricavi consolidati sono calati del 9,3% a 964,8 milioni dai 1.0634 milioni del primo trimestre 2012.

Nel periodo in esame il risultato operativo è risultato negativo per 16,5 milioni dai 27,2 milioni dello stesso periodo dello scorso anno, mentre l’indebitamento al 31 marzo 2013 ammontava a 2,11 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 2 miliardi di inizio anno.

Ad influire negativamente sui risultati del primo trimestre sono state anche le condizioni meteorologiche che, soprattutto nel mese di marzo, sono risultate peggiori di quelle registrate nella prima parte dello scorso anno, circostanza che ha ulteriormente gravato sul settore delle costruzioni in aggiunta alle conseguenze negative legate alla recessione di alcuni Paesi europei. In Italia, in particolare, la situzione continua ad essere molto difficile, con un consumo di cemento sceso dal picco di oltre 46,5 milioni di tonnellate segnato nel 2006 a una quota di poco superiore ai 25,5 milioni nel 2012. Per contro, nei mercati asiatici è in atto un’evoluzione ciclica complessivamente positiva.

Contestulamente alla pubblicazione dei risultati realizzati nel corso dei primi tre mesi dell’anno, Italcementi ha fatto sapere di prevedere la chiusura dell’esercizio in corso con un margine operativo in linea con quello realizzato lo scorso anno.

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.