Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze stamane ha collocato BTP a tre e quindici anni e due distinte tranche di CCteu. Anche in questo caso, sulla scia di quanto accaduto nel corso dell’asta di BOT annuali e flessibili tenuta ieri, è stato registrato un aumento dei rendimenti. In particolare, questa mattina il Tesoro ha collocato i seguenti titoli di Stato:

– la prima tranche di BTP a tre anni con decorrenza 16 settembre 2013, scadenza 15 novembre 2016 e cedola annuale del 2,75%, per un ammontare complessivo di 4 miliardi di euro, ossia il massimo della forchetta prestabilita (compresa tra 3 e 4 miliardi di euro). Il rendimento è salito al 2,72% dal 2,33%, quindi ai massimi da ottobre 2012, mentre il rapporto di copertura si è attestato all’1,52 dall’1,34 precedente;

– l’ottava tranche di BTP a quindici anni con decorrenza 22 gennaio 2013, scadenza 1 settembre 2028 (codice Isin IT0004889033) e cedola annuale del 4,75%, per un ammontare complessivo di 1,5 miliardi di euro (forchetta compresa tra 1 e 1,5 miliardi di euro). Il rendimento è salito al 4,88%, toccando così i livelli massimi da marzo, mentre la domanda è stata pari a 1,36 volte l’offerta;

– la settima tranche di CCTeu con decorrenza 1 maggio 2013, scadenza 1 novembre 2018 (codice Isin IT0004922909) e tasso annulizzato del 2,117% ad un rendimento del 2,48%;

– la diciassettesima tranche di CCTeu con decorrenza 15 aprile 2011, scadenza 15 aprile 2018 (codice Isin IT0004716319) e tasso annualizzato dell’1,329% ad un rendimento del 2,56%.

L’ammontare complessivo collocato per le due emissioni di CCTeu è di 2 miliardi di euro (forchetta compresa tra 1 e 2 miliardi di euro).

Dopo la pubblicazione dei risultati dell’asta tenuta questa mattina il differenziale Btp/Bund risulta stabile a 256 punti base, con un tasso del decennale italiano al 4,54%. Il Ftse Mib, invece, aumenta le perdite e cede lo 0,97% a 17.393 punti.

+

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.