Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

La Banca Popolare di Spoleto attraverso una nota ha comunicato di essere finita in amministrazione straordinaria su disposizione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che ha quindi deciso di accogliere la proposta formulata dalla Banca d’Italia a seguito di risultati negativi degli accertamenti ispettivi condotti nei mesi scorsi.

In particolare, con provvedimento dell’8 febbraio scorso la Banca d’Italia ha nominato commissari straordinari Giovanni Boccolini, Gianluca Brancadoro e Nicola Stabile, mentre Silvano Corbella, Giovanni Domenichini e Giuliana Scognamiglio vanno a costituire il Comitato di sorveglianza. A loro spetterà il compito di adottare tutte le misure necessarie a garantire la regolarizzazione dell’attività aziendale e la piena tutela dei diritti dei depositanti e dei creditori sociali. Al contempo, la banca continuerà a svolgere regolarmente la propria attività, pertanto i clienti potranno continuare a rivolgersi agli sportelli bancari dell’istituto senza alcuna variazione rispetto a quanto fatto fino ad oggi.

Per conoscere i motivi del commissariamento bisognerà attendere le motivazioni del provvedimento emesso dal Ministero del Tesoro sulla base del rapporto della Banca d’Italia. Al riguardo ricordiamo che l’ispezione della Banca d’Italia era stata avviata lo scorso 16 luglio e che lo stesso istituto aveva bloccato l’operazione di aumento di capitale che il Cda voleva avviare al fine di migliorare i coefficienti patrimoniali. Successivamente, a fine gennaio scorso, si è concretizzata nell”offerta di una cordata di investitori istituzionali e imprenditori, che secondo le indiscrezioni avrebbe voluto rilevare il pacchetto di maggioranza per poi a lanciare un’Opa sul capitale rimanente a 2,10 euro per azione. Tale proposta sarebbe stata però respinta dalla Spoleto Crediti e Servizi, la holding che controlla il 51% circa del capitale della banca.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.