Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

A pochi giorni dalla pubblicazione dei risultati del primo trimestre 2013 di Fiat Industrial e della contemporanea revisione dei target per l’esercizio 2013, gli analisti di alcune banche d’affari hanno comunicato di aver tagliato il target price sul titolo.

In particolare, gli esperti di Berenberg hano ridotto il prezzo obiettivo su Fiat Industrial da 7,2 a 6,8 euro a seguito della revisione delle stime dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali, confermando al contempo la raccomandazione “sell”. Allo stesso modo, hanno rivisto al ribasso il prezzo obiettivo anche gli analisti di Equita, da 10,3 a 9,5 euro (rating “hold” confermato), che si sono detti sorpresi soprattutto della revisione dei target decisa dalla società.

Anche gli esperti di Banca Akros hanno mantenuto invariata ad “accumulate” la raccomandazione sul titolo, mentre il target price è stato ridotto da 11 a 10 euro. Gli analisti di Mediobanca, pur considerando il titolo Fiat Industrial ancora interessante, hanno ridotto il prezzo obiettivo da 11 a 10,2 euro e hanno confermato rating “outperform”. Banca Imi si è invece limitata a mettere sotto revisione il prezzo obiettivo, mentre ha già confermato rating “buy”.

Fiat Industrial, ricordiamo, ha archiviato i primi tre mesi dell’anno in corso con  un utile al netto delle componenti atipiche pari a 195 milioni di euro, quindi in calo rispetto ai 202 milioni del primo trimestre del 2012 e ai 200 milioni di euro attesi in media dal consenso.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.