Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Le spese mediche detraibili consentono ai contribuenti di recuperare ogni anno parte della somma sborsata per l’acquisto di medicinali, protesi, apparecchi medicali e spese connesse alla salute dell’individuo.

Per poter procedere alla detrazione delle spese mediche in sede di dichiarazione dei redditi, tuttavia, è necessario conservare apposita documentazione attestante l’acquisto. Tale documentazione varia a seconda della tipologia di acquisto.

Per quanto riguarda la detrazione di medicinali, ad esempio, la documentazione necessaria consiste nel cosiddetto scontrino fiscale parlante, ovvero uno scontrino fiscale su cui è riportato il codice fiscale del contribuente.

Ovviamente, in sede di dichiarazione dei redditi, sarà possibile detrarre anche le spese mediche attestate da documenti riportanti il codice fiscale dei soggetti a carico di colui che effettua la dichiarazione.

Per quanto riguarda invece l’acquisto di protesi e oggetti a queste assimilabili, per poter procedere alla dichiarazione dei redditi è necessario essere in possesso di apposita fattura o ricevuta, sempre recante il codice fiscale, e in più anche della prescrizione del medico curante.

In alternativa alla prescrizione medica, su richiesta degli uffici competenti, il contribuente può rendere un’autocertificazione attraverso la quale attesta la necessità, per lui o per uno dei familiari a carico, della protesi acquistata, specificando inoltre la causa dell’acquisto.

Cosa analoga è prevista anche per i sussidi tecinici e informatici, per i quali oltre alla fattura o ricevuta è necessaria anche la certificazione del medico curante attestante che quel sussidio tecnico e informatico è volto a facilitare l’autosufficienza e la possibilità di integrazione del soggetto portatore di handicap.

Per quanto riguarda il calcolo delle detrazioni per le spese mediche, occorre calcolare il 19% sulla somma spesa, previa sottrazione della franchigia prevista.

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.