Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Lo scorso 18 maggio è iniziato il collocamento del bond a tasso fisso emesso da Autostrade per l’Italia; il termine dell’offerta, destinata a un pubblico retail, è previsto per il 18 giugno 2015.

L’obbligazione a tasso fisso collocata da Autostrade per l’Italia è riservata a un pubblico indistinto  in Italia e ha un valore totale di massimo di 750 milioni di euro, che potrà essere aumentato fino a un miliardo e mezzo di euro. I bond potranno essere sottoscritti presso i collocatori con un investimento minimo di 2000 euro, ovvero due obbligazioni del valore nominale di 1000 euro l’una.

Vediamo, in breve, quali sono le caratteristiche dell’obbligazione emessa da Autostrade per l’Italia. La durata del bond è di otto anni con scadenza nel 2023. La data di inizio delle negoziazioni, presso il Mercato Obbligazionario, verrà stabilità proprio dalla Borsa Italiana dopo la chiusura del periodo di offerta.

Il tasso rendimento annuo lordo sarà compreso tra la somma dello spread minimo, il tasso medio Interest Rate Swap e la somma tra il 2% e tasso medio Interest Rate Swap. Salvo chiusura anticipata o proroga, il termine dell’offerta è previsto per il 18 maggio 2015;  infatti, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, Atlantia starebbe pensano di chiudere in anticipo il collocamento del bond di Autostrade per l’Italia, ma ancora non ci sono notizie ufficiali in tal senso.

Caratteristiche Bond 2015-2023 Autostrade per l’Italia

Emittente: Autostrade per l’Italia SPA.
Inizio offerta: lunedì 18 maggio 2015.
Chiusura: venerdì 5 giugno 2015 ore 13.
Data inizio negoziazioni: da definire.
Mercato di quotazione: Mercato Obbligazionario Telematico MOT di Borsa Italiana.
Soggetti target: persone fisiche residenti in Italia.
Durata: 8 anni.
Codice ISIN: IT0005108490.
Taglio acquistabile: multipli di 1000 euro
Taglio minimo acquistabile: 2 da 1000 per totali 2000 euro.
Totale da collocare: fino a 750 milioni di euro con facoltà di portarlo a 1,5 miliardi di euro.
Responsabili del collocamento: Banca Imi e Unicredit.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.