Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, mediante comunicato stampa diffuso ieri a mercati chiusi, ha fornito i dettagli del consueto collocamento di BTP di metà mese disposto per giovedì 13 dicembre, quando verranno collocate due distinte tranche di titoli, ovvero:

– la prima tranche di BTP con decorrenza 1° dicembre 2012, scadenza 1° dicembre 2015 e tasso di interesse annuo del 2,75% (ISIN da attribuire). L’ammontare nominale dell’emissione sarà compreso tra 2.500 e 3.500 milioni di euro.

– la dodicesima tranche di BTP con decorrenza 1° settembre 2010, scadenza 1° marzo 2016 e tasso di interesse annuo lordo del 4,50% (ISIN: IT0004644735). L’ammontare nominale dell’emissione sarà compreso tra 500 e 750 milioni di euro.

Il meccanismo utilizzato per il collocamento sarà quello dell’asta marginale, con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all’interno dell’intervallo previsto per ciascun collocamento, previa esclusione delle offerte formulate a prezzi considerati non convenienti sulla base di quelle che sono le attuali condizioni di mercato.

Sono ammesse a partecipare al collocamento le banche italiane, comunitarie ed extracomunitarie, nonché le società di intermediazione mobiliare e le imprese di investimento comunitarie ed extracomunitarie indicate nei decreti riguardanti l’emissione dei suddetti titoli. Gli investitori privati potranno quindi acquistare i titoli oggetto di tale collocamento rivolgendosi ad uno di questi operatori autorizzati, fermo restando un investimento minimo di 1.000 euro.

Le prenotazioni da parte del pubblico dovranno avvenire entro il 12 dicembre 2012, mentre la presentazione delle domande in asta da parte degli operatori autorizzati dovrà avvenire entro le ore 11:00 del 13 dicembre 2012. Il regolamento delle sottoscrizioni è invece previsto per il 17 dicembre prossimo.

RISULTATI ASTA BTP 13 DICEMBRE 2012

+

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.