Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha disposto per il giorno 13 marzo 2013 un’asta avente ad oggetto il collocamento di BTP a 3 e 15 anni e di due distinte tranche di CCTeu, ovvero:

– la settima tranche di BTP con decorrenza 1 dicembre 2012, scadenza 1 dicembre 2015, codice ISIN IT0004880990 e cedola annua del 2,75%, per un ammontare complessivo compreso tra un minimo di 2.500 e un massimo di 3.500 milioni di euro;
– la seconda tranche di BTP con decorrenza 22 gennaio 2013, scadenza 1 settembre 2028, codice ISIN IT0004889033 e cedola annua del 4,75%, per un ammontare complessivo compreso tra un minimo di 1.500 e un massimo di 2.500 milioni di euro;
– l’undicesima tranche di CCTeu con decorrenza 15 dicembre 2011, scadenza 15 giugno 2017, codice ISIN IT0004809809 e tasso annualizzato del 2,817%;
– la tredicesima tranche di CCTeu con decorrenza 15 aprile 2011, scadenza 15 aprile 2018, codice ISIN IT0004716319 e tasso annualizzato dell’1,416%.
Per quanto riguarda i CCTeu, l’ammontare inteso complessivamente per entrambe le emissioni sarà compreso tra un minimo di 1.000 e 1.750 milioni di euro.

Le prenotazioni da parte del pubblico dovranno essere fatte pervenire entro il 12 marzo, mentre le richieste da parte degli operatori autorizzati dovranno essere presentate entro le ore 11:00 del giorno successivo. Il regolamento delle sottoscrizioni è previsto per il giorno 15 marzo 2013. Il meccanismo utilizzato per il collocamento sarà quello dell’asta marginale, con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all’interno dei predetti intervalli di emissione.

Nel comunicato stampa mediante cui sono stati resi noti i dettagli del collocamento è stato specificato che, a decorrere dalla presente emissione, i BTP 15 anni sono ammessi all’attività di stripping dei titoli di Stato, come previsto dal decreto ministeriale n. 96718 del 7 dicembre 2012.

ASTA BTP E CCTeu 13 MARZO 2013

Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.