Salta al contenuto Passa alla barra laterale Passa al footer

Le carte ricaricabili continuano ad essere ampiamente utilizzate per gli innumerevoli vantaggi che presentano. Quali sono però le carte ricaricabili più convenienti? Gli utilizzatori più frequenti sono senza dubbio i giovani che, essendo sprovvisti di un conto corrente, utilizzano le carte ricaricabili come alternativa ai contanti, soprattutto durante viaggi in Italia e all’estero, nonché durante tutto l’anno, specialmente quando si studia in una città lontana da casa, come strumento per prelevare e/o utilizzare la paghetta mensile “caricata” dai genitori.

Ma i più giovani non sono gli unici ad utilizzare le carte prepagate. Anche coloro che hanno un conto corrente o una carta di credito sono spesso titolari anche di una carta prepagata che sono soliti utilizzare per gli acquisti su internet oppure per i pagamenti all’estero.

Le carte ricaricabili hanno solitamente costi di gestione molto bassi. La carta ricaricabile PostePay di Poste Italiane, ad esempio, ha un costo di 5 euro, da versare al momento della sottoscrizione, a cui bisogna aggiungere i costi per le ricariche e i prelievi. Le ricariche hanno un costo di 1 euro se effettuate da ATM Postamat con carte aderenti al circuito Postamat, uffici postali, portalettere dotato di Pos, sim PosteMobile e sito internet di Poste Italiane; di 2 euro presso punti vendita Sisal, punti vendita collegati Banca ITB e presso i punti vendita Snai; di 3 euro presso ATM Postamat con carta non aderente al circuito Postamat. I prelievi, invece, hanno un costo di 1,00 euro da ATM Postamat o uffici postali, di 1,75 da ATM Visa/ Visa Electron e di 3 euro da ATM Visa/Visa Electron di Paesi non euro. Nessuna commissione è invece prevista per i pagamenti.

Tra le carte ricaricabili più convenienti citiamo anche la carta prepagata IW Bag di IWBank, che non prevede il pagamento di canone annuo; le ricariche hanno un costo di 0,75 euro dal sito di IWBank, mentre il prelievo ha un costo di 1,90 euro se effettuato tramite ATM Visa in Italia ed all’estero e di 1,00 euro se effettuato tramite Visa Resto Cash.

Interessante anche la carta “Vincento” di Kalixa, che ha un canone annuo di 5 euro ma in compenso non  prevede alcuna commissione per le ricariche, mentre i prelievi hanno un costo di 1,75 euro.



Potrebbero interessarti anche questi approfondimenti:



Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.